scozia

Scozia: come prepararsi al viaggio con i bambini

Eravamo già stati in Scozia quando eravamo solo in due ce n’eravamo completamente innamorati. Per questo abbiamo deciso di tornarci per poter condividere questo amore con il nostro Tato Alex!

scozia
scozia

Scozia in inverno

Se la prima volta siamo partiti completamente all’avventura, questa volta abbiamo deciso per agevolare il viaggio di organizzarci un po’ di più. L’altra volta eravamo stati in estate perciò tutte le strutture e alloggi erano aperti. Partendo durante le vacanze natalizie sapevamo già che molti alloggi non davano la disponibilità e abbiamo deciso di organizzarci per tempo.

Il nostro viaggio l’abbiamo programmato dal mese di agosto. In questo modo siamo riusciti a risparmiare molto sul volo. Una volta prenotato abbiamo iniziato a far prendere forma al nostro itinerario iniziando a prenotare anche gli alloggi. Uno dei motivi che ci ha portato a prenotare prima sono le poche ore di luce che troverete in Scozia d’inverno. Circa dalle 9 del mattino alle 15.30 del pomeriggio. Perciò perdere tempo a cercare un alloggio significava vedere veramente poco.

La maggior parte degli alloggi sono stati scelti su booking e alcuni su Airbnb ( se non siete ancora iscritti ad Airbnb vi lascio qui uno sconto), per di più appartamenti e B&B. La Scozia è un paese piuttosto caro per via della Sterlina, avere a disposizione un appartamento aiuta molto a contenere i costi almeno del mangiare.

scozia b&b
b&b

Scozia on the road

Un’ altra cosa da non sottovalutare è di prenotare per tempo, se si vuole viaggiare in libertà, è l’auto. In Scozia ci sono molti mezzi pubblici a disposizione , ma alcuni punti non sono raggiungibili. Con l’auto potrete perlustrare la vera Scozia, perdervi in ogni angolo, fermarvi ogni 5 minuti a fare foto (.. e credetemi lo farete!). E fare incontri piacevoli con le mille pecore che incontrerete in mezzo alla strada!

Dopo varie ricerche noi abbiamo optato per prenotare la macchina con Arnold Clark una compagnia locale molto conosciuta in Scozia. Il prezzo è molto buono, loro molto cordiali e professionali. Nonostante noi avessimo prenotato una vettura base a 5 porte ci hanno dato una di categoria notevolmente superiore e semi nuova. Ricordate che la guida in Scozia è a sinistra. Un altro consiglio che mi sento di darvi è di fare l’assicurazione completa, una casco praticamente, che copre ogni serie di danno. Nel caso che rimarrete a piedi è compreso il carro attrezzi e la macchina sostitutiva. Per di più facendo questa assicurazione non avrete il blocco sulla carta di credito della franchigia. Un’altra cosa da controllare è che i km sull’autovettura noleggiata siano illimitati.

Abbigliamento consigliato

Noi siamo stati piuttosto fortunati con il clima, abbiamo trovato temperature miti tra un massimo di 10 e un minimo di 5 gradi che a dire dagli scozzesi era molto anomalo. Nonostante questo c’era sempre molto vento specialmente vicino alle coste. Un altro fattore da non dimenticare è che in Scozia piove spesso! Il nostro consiglio è di portare magliette termiche, pile, e giubotti pesanti ma anche antivento e magari anche impermeabili, scaldacollo, cappello e guanti. Per i bambini consiglio anche un antipioggia. Naturalmente anche le scarpe devono essere adatte se non vi fermerete solo nelle città ma vi inoltrerete in natura. Spesso il terreno e i prati sono fangosi x via della tanta pioggia. Degli scarponcini da montagna magari in GORE-TEX andranno benissimo.

Dove mangiare

colazione in Scozia
breakfast

In Scozia il pranzo principale è la colazione! Pane tostato, uova, salsiccia, pomodori grigliati, funghi e fagioli. Alcuni l’arricchiscono ancor di più con altre specialità. Anche se non sei un amante del salato almeno una volta questa colazione è da provare! Vi sarà offerta da ogni B&B ma anche nei pub e alcuni ristoranti la potrete trovare. In quest’ultimi troverete sempre anche menù per bambini. Non potrete fare a meno anche di assaggiare le loro zuppe o il fish and chips. Per i più coraggiosi consiglio l’Haggis: interiora di pecora cotte poi nello stesso stomaco. Detto così non sembra un granchè ma io l’ho assaggiato e non è niente male!

Scozia l’itinerario

castello
broughty castle

L’itinerario è molto soggettivo in base ai gusti di ognuno di noi. Noi abbiamo scelto come prima meta le highlands perchè non eravamo riusciti a vederle la prima volta, e poi abbiamo deciso di stare più sulla costa al contrario della volta scorsa. In base appunto alle nostre preferenze abbiamo cercato di vedere più castelli possibili(se vi piacciono i castelli leggete anche il nostro articolo sui castelli della Val D’Aosta), anche se la maggior parte in inverno sono chiusi ma si può in alcuni entrare comunque nei giardini. Un’altra cosa che ci è piaciuta moltissimo sono stati i piccoli paesi dei pescatori con le loro casette colorate. Mentre papà Simo ha preferito sicuramente le distillerie di whisky anche queste purtroppo non tutte aperte nel periodo invernale, ma dove in altri periodi dell’anno potrete fare anche visite guidate.

distilleria
The Dalmore distillery

E voi siete già stati in Scozia? Se si raccontateci le vostre esperienze! Noi presto vi racconteremo del nostro itinerario completo!

0 Condivisioni

Lascia un commento